L’integrazione tra i programmi di prevenzione delle infezioni ospedaliere e i programmi di gestione antimicrobica è fortemente raccomandata, non solo per l’attuale situazione critica legata all’epidemia di Covid-19, ma anche in risposta ad altre emergenze sanitarie. Lo sostengono Stevens e collaboratori in un  articolo pubblicato su Infection Control & Hospital Epidemiology.

Covid-19 Salute digitale

La situazione di emergenza che stiamo vivendo a livello globale ha chiesto risposte rapide per far fronte ai nuovi bisogni che si sono manifestati in ambito sanitario. Si è così in poco tempo rivoluzionata in gran parte del mondo l’organizzazione degli ospedali ed è stato incrementato il numero dei posti letto nelle terapie intensive.
L’esigenza di garantire in sicurezza l’accesso ai servizi sanitari a tutti i pazienti, anche a quelli non contagiati, ha costituito una spinta fortissima a incrementare i servizi di telemedicina e di monitoraggio a distanza delle patologie accelerando il superamento delle barriere economiche e culturali che ancora si frapponevano a un completo rinnovamento dei percorsi assistenziali attraverso la connected health.
Ne abbiamo parlato con Alberto E Tozzi, Roberto Ascione e Alessandro Monterosso.