L’innovazione, ossia la generazione di nuova ricerca scientifica e tecnologica nel campo delle scienze della vita, costituisce una frontiera importante per il nostro Paese alle prese con le dinamiche di invecchiamento della popolazione e le possibilità di innalzamento dei livelli di qualità di vita, ma rappresenta anche una sfida per l’organizzazione stessa del sistema della ricerca pubblica e privata.
Ce ne parla Fabio Pammolli, Presidente Fondazione MSD

A colloquio con Giovanna Camorali
Le tecnologie digitali, con la loro capacità di elaborare enormi quantità di dati, sono essenziali per passare da un sistema incentrato sulla cura a un sistema che si preoccupa di prevenire e mantenere in salute. Tutte le industrie stanno vivendo una trasformazione radicale e in effetti tutti i settori stanno lavorando insieme per disegnare un modello sanitario in grado di affrontare le sfide della sostenibilità economica, ma anche di rispondere al bisogno ultimo che è quello del benessere di tutti noi.

A colloquio con Gianluca Gala

Migliorare parametri e qualità di vita dei pazienti cronici, ottimizzare il lavoro dei medici, alleggerire la pressione su ospedali e ambulatori e far risparmiare il Servizio Sanitario: obiettivi raggiungibili attraverso un sistema di presa in carico del paziente che sfrutti appieno le opportunità offerte dalle tecnologie digitali?

In questo numero un approfondimento sul valore aggiunto della sanità digitale per la salute pubblica nelle interviste a Massimo Casciello (Ministero della Salute), Roberto Moriondo (Agenzia per l’Italia Digitale) e Roberto Bernabei (Italia Longeva e Università Cattolica di Roma). Maria Corongiu (Segretario Regionale FIMMG Lazio) e Rita Lidia Stara (Diabete Forum e Federazione Diabete Emilia-Romagna) spiegano il ruolo della tecnoassistenza nei nuovi modelli assistenziali. Nella sezione dedicata alle Regioni, le esperienza di gestione delle cronicità attraverso la tecnoassistenza in Lombardia e Basilicata.

Quale valore aggiunto offre la digitalizzazione del settore sanitario rispetto all’obiettivo di migliorare la salute dei cittadini? Qual è lo stato dell’arte di progetti come il fascicolo sanitario elettronico? La dematerializzazione dei dati sanitari consentirà una migliore organizzazione dell’assistenza? Ci risponde Massimo Casciello, Direttore generale, Direzione generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica, Ministero della Salute