Horizon Scanning

L’Horizon Scanning è un sistema di identificazione delle tecnologie che ha come obiettivo quello di individuare, con una modalità strutturata e sistematica, le tecnologie sanitarie nuove ed emergenti o che stanno per divenire obsolete in un dato contesto, per poi valutarne l’impatto potenziale sull’organizzazione o sul sistema sanitario da diversi punti di vista: la salute dei pazienti e della popolazione, i costi e l’organizzazione.
La finalità dei sistemi di Horizon Scanning è, dunque, quella di consentire a coloro che prendono decisioni relative all’accesso a una tecnologia (a livello di sistema, azienda o reparto) e che organizzano attività di ricerca sanitaria ad essa connessa, di fare scelte il più informate possibile basandosi sulle evidenze disponibili. Fornire sistematicamente informazioni su tecnologie emergenti o innovative può attivare processi di supporto e monitoraggio allo sviluppo in ambito clinico e può stimolare l’adozione di terapie innovative o nuove modalità diagnostiche nel caso, per esempio, delle malattie rare.

L’Health Technology Assessment è uno strumento multidisciplinare di valutazione, necessario per fornire ai decisori le prove scientifiche per intraprendere le scelte migliori in termini di efficacia, efficienza ed equità nell’ambito di un moderno approccio di sanità pubblica. La farmacoeconomia è una delle discipline dell’HTA, attraverso la quale è possibile identificare, misurare, valorizzare e confrontare i costi e le conseguenze delle alternative prese in esame, con l’obiettivo di razionalizzare le spese sanitarie e liberare risorse per rendere sostenibile il sistema.

Per le tecnologie sanitarie le incertezze sono molte e prer minimizzarle si è introdotto il principio della revisione delle evidenze in ogni fase del loro ciclo di vita. L’obiettivo del lavoro di Menon è quello di individuare, tramite un’accurata revisione sistematica della letteratura e di altri documenti, le modalità di coinvolgimento dei pazienti con malattie rare in questo processo.

A colloquio con Luciana Ballini
L’ EUnetHTA ha recentemente pubblicato un Position Paper su come formulare raccomandazioni per la ricerca al termine di un rapporto di Health Technology Assessment: come può essere usato dai presidi regionali di HTA e come si stanno organizzando le Regioni in base a quanto richiesto in tema di HTA nel nuovo Patto per la Salute?

A cura di Chiara Rivoiro e Valeria Romano
Nel percorso di costituzione di un ufficio regionale di HTA in Piemonte, particolarmente innovative sono state le scelte dell’ente finanziatore del progetto: la Compagnia di San Paolo di Torino, che destina ogni anno – da una decina d’anni circa – una rilevante quantità di risorse per sostenere l’innovazione tecnologica in sanità, riconoscendo l’importanza di un adeguato governo clinico ed economico delle tecnologie innovative.

Il corso Riflessioni sull’HTA. Ci serve?, svoltosi a Milano il 7 e 8 febbraio e promosso da Fondazione MSD, Società Italiana di Igiene (SITI) e Il Pensiero Scientifico Editore con il patrocinio della Regione Lombardia, è stato un momento importante di riflessione critica sulle questioni chiave dell’Health Technology Assessment da parte di Direttori Generali e Sanitari della Regione Lombardia.