Un interessante editoriale pubblicato su Nature Microbiology pone l’attenzione su un tema molto rilevante quale quello dell’antimicrobico-resistenza (AMR). Una lettura veloce degli studi legati a pazienti ricoverati in ospedale con malattia da coronavirus 2019 (Covid-19) rivela l’uso diffuso di terapie antimicrobiche come parte del pacchetto delle cure cliniche impiegato in alcuni Paesi.

L’integrazione tra i programmi di prevenzione delle infezioni ospedaliere e i programmi di gestione antimicrobica è fortemente raccomandata, non solo per l’attuale situazione critica legata all’epidemia di Covid-19, ma anche in risposta ad altre emergenze sanitarie. Lo sostengono Stevens e collaboratori in un  articolo pubblicato su Infection Control & Hospital Epidemiology.

Sono le associazioni che si occupano di assistenza sociosanitaria gli interlocutori privilegiati di ‘Nelle nostre Mani’, il progetto di dialogo con il terzo settore per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza promosso da MSD Italia. Dopo gli incontri di carattere istituzionale con le autorità pubbliche e sanitarie sul tema delle infezioni ospedaliere, il 24 giugno a Roma presso la Società Umanitaria sono state proprio queste associazioni, coordinate da Francesco Menichetti (GISA), Maria Mongardi (ANIPIO) e Francesca Moccia (Cittadinanzattiva), a contribuire alla redazione di un decalogo condiviso per gli operatori sociosanitari non professionisti contenente le linee di condotta pratiche per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza.