Cuore a rischio: fattori genetici e stile di vita

L’angolo della SITeCS

Utilizzando uno score poligenico sulla base di specifici polimorfismi, è stato valutato il rischio genetico di malattia coronarica in 4260 partecipanti al BioImage Study e in tre potenziali coorti: 7814 partecipanti dallo studio Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC), 21.222 dal Women’s Genome Health Study  (WGHS) e 22.389 dal Malmö Diet and Cancer Study (MDCS).

Complessivamente i risultati forniscono la prova che i fattori relativi allo stile di vita possono modificare in modo rilevante il rischio, indipendentemente dal profilo di rischio genetico del paziente. Questa evidenza costituisce il razionale per continuare la promozione di interventi correttivi sui fattori di rischio  modificabili, mirati a migliorare lo stile di vita e quindi a smettere di fumare, ridurre il peso, aumentare
l’attività fisica ed avere abitudini alimentari più sane.

L’articolo [PDF: 780 kb]

 

 

 

Share on