I costi della cronicità negli Stati Uniti

Il Dipartimento della Salute statunitense ha identificato nella prevalenza delle condizioni croniche multiple (CCM) un rilevante problema di salute pubblica poiché hanno effetti deleteri sui ricoveri e comportano una maggiore incidenza dei costi e di utilizzazione dei servizi.
Obiettivo dello studio dei ricercatori americani è stato quindi quello di analizzare il carico delle CCM sulla popolazione e di valutarne gli effetti in termini di costi, qualità e accesso alle cure.

Uno dei risultati più significativi della ricerca è che includere le CCM nella misurazione della qualità e della performance è un potenziale valore aggiunto. Un numero maggiore di CCM si traduce in una degenza più lunga e un maggior costo per giornata, quindi il numero di condizioni croniche (o la combinazione di CCM) dovrebbe essere analizzata a fondo ogni volta che la severità della condizione di un paziente è un potenziale fattore contributivo ad un esito di salute o una potenziale caratteristica distintiva di una popolazione. Il numero di CCM potrebbe pertanto rappresentare un’ottima proxy per determinare l’utilizzazione dei servizi e i costi per il sistema sanitario, soprattutto perché la prevalenza dei pazienti con CCM è in continuo aumento.

L’articolo [PDF: 95 kb]

Fonte Skinner HG et al, BMC Health Services Research 2016; 16: 77

Share on