Terapia dell’HIV, un farmaco ‘made in Italy’ protagonista negli USA

HIVIn occasione della ‘XXI Conferenza sui Retrovirus e le Infezioni Opportunistiche’ svoltasi a Boston dal 3 al 6 marzo 2014 sono stati presentati i risultati dello studio ACTG 5257. Lo studio ha messo per la prima volta a confronto raltegravir con atazanavir e darunavir, fino ad oggi riferimento dei regimi di terapia a base di inibitori della proteasi, dimostrando un più alto livello di controllo virologico di raltegravir e la sua superiorità rispetto ai due inibitori della proteasi nell’endpoint combinato relativo al tempo al fallimento virologico e al tempo all’interruzione del trattamento per tollerabilità.

L’articolo [PDF: 121 Kb]

Da Care 2 2014

Fonte: Landovitz RJ, Ribaudo HJ, Ofotokun I et al. Efficacy and tolerability of atazanavir, raltegravir, or darunavir with FTC/tenofovir: ACTG 5257 CROI 2014, abstract n. 85

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.