Open data

opendatachiaveA cura di Eliana Ferroni

“Research results should be easily accessible to people who need to make decisions about their own health”
Alessandro Liberati

La conoscenza dei benefici e rischi di un farmaco si basa sui dati degli studi clinici riportati negli articoli scientifici. Nonostante la pletora di riviste specializzate e l’alto numero di articoli pubblicati ogni giorno, la letteratura medica costituisce soltanto un campione non rappresentativo della ricerca scientifica realmente effettuata. Tale campione, inoltre, è potenzialmente esposto a bias, come il reporting e il publication bias, che minano affidabilità e veridicità delle informazioni contenute nello studio. Ci troviamo, quindi, di fronte al rischio reale di leggere più spesso articoli che riportano solo alcune informazioni abilmente selezionate di uno studio, ovvero articoli con risultati  statisticamente significativi a vantaggio del farmaco in oggetto. Articoli in cui si dimostra l’inefficacia di un  trattamento sono di fatto raramente riscontrabili in letteratura, afflitta da sempre dalla “sindrome dello studio positivo”, che tende a dare maggiore spazio e visibilità a quegli studi che riportano esclusivamente i risultati positivi…

La parola chiave [PDF: 78 Kb]

Da Care 1, 2014

Eliana Ferroni, Dipartimento di Epidemiologia Servizio Sanitario Regionale del Lazio

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.