Epatite C e accesso alle nuove terapie

dossierepatiteIn Italia le epatiti virali costituiscono una vera e propria emergenza sanitaria: il nostro Paese è, in Europa occidentale, quello con il più alto tasso di epatite C e di tumore del fegato correlato. Attualmente per il trattamento dell’epatite C sono disponibili i nuovi inibitori della proteasi che, in associazione ai farmaci già disponibili, costituiscono la cosiddetta ‘triplice terapia’, un nuovo trattamento, destinato ai pazienti HCV positivi con genotipo 1, che aumenta la possibilità di successo terapeutico sino all’80%.
L’accesso a queste nuove terapie ha incontrato e incontra tutt’oggi una serie di ostacoli di diversa natura (burocratici, amministrativi, organizzativi e non ultimi economici), che ne hanno ritardato e/o reso disomogeneo l’impiego e l’appropriatezza d’uso nelle diverse realtà regionali.

Questo dossier scatta una fotografia dello stato dell’arte in termini di accesso alle nuove terapie per il trattamento dell’epatite C attraverso:

  1. una sintesi della recente indagine civica sul tema realizzata dal Coordinamento Nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC)-Cittadinanzattiva e EpaC onlus.
  2. Il commento di Ivan Gardini, Presidente Nazionale Epac Onlus.
  3. La descrizione, attraverso la voce degli specialisti, dei differenziati modelli assistenziali e percorsi diagnostico-terapeutici ad oggi impiegati in sei Regioni (Campania, Lazio, Lombardia, Sicilia, Toscana e Veneto).

Il dossier integrale [PDF: 203  Kb]

Epatite C: modelli assistenziali e PDTA

Da Care 1 2014

Ivan Gardini, Presidente EPAC Onlus
Gian Battista Gaeta, Professore Ordinario di Clinica delle Malattie Infettive, Seconda Università di Napoli
Mario Angelico, Professore Ordinario di Gastroenterologia, Direttore dell’Unità di Epatologia del Policlinico Tor Vergata, Roma
Stefano Fagiuoli, Direttore, USC Gastroenterologia Epatologia e Trapiantologia, Dipartimento di Medicina Specialistica e dei Trapianti, Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, Bergamo
Antonio Craxì, Professore Ordinario di Gastroenterologia, Direttore del Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica, Università di Palermo
Maurizia Rossana Brunetto, Direttore UO Epatologia, Centro di Riferimento Regionale per la diagnosi e il trattamento delle epatopatie croniche e del tumore del fegato, Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana
Alfredo Alberti, Professore Ordinario di Gastroenterologia, Dipartimento di Medicina, Molecolare, Università degli Studi di Padova

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.