Gravidanza e ricovero ospedaliero aumentano il rischio di tromboembolismo venoso

Gravidanza_Ricovero_Lett2Le donne in gravidanza ricoverate in ospedale presentano un rischio di tromboembolismo venoso che rimane alto anche nel mese successivo alla dimissione. Il rischio è maggiore tanto più è lunga la degenza e in chi ha già altri fattori di rischio, ma anche nelle pazienti senza fattori di rischio noti e nei casi in cui la degenza è stata molto breve (inferiore ai 3 giorni), sottolineano i ricercatori dell’Università di Nottingham, il rischio è rimasto comunque più alto.

L’articolo [PDF: 93 Kb]

Da Care 6 2013

Fonte: Sultan AA, West J, Tata LJ et al. BMJ 2013; 347: f6099 DOI: 10.1136/bmj.f6099

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.