A cura di Luigi Pagliaro

La cartella clinica è uno strumento fondamentale per l’assistenza ai pazienti. Come deve essere strutturata per consentire ai medici di registrare al meglio i dati? Quanti tipi di cartelle cliniche esistono e quali sono i vantaggi e i limiti di ognuna?

A cura di Laura Canavacci

Dalle prime esperienze pionieristiche all’istituzionalizzazione in Italia agli inizi degli anni Novanta di quelli che si possono considerare i centri promotori di una cultura sempre più sensibile alle istanze etiche della pratica medica e un importante ausilio per le direzioni sanitarie al fine di implementare i processi di qualità del servizio erogato.

A cura di Piera Poletti

I modelli principali elaborati relativamente al concetto di competenza, il ruolo del personale sanitario e gli indicatori sulla base dei quali i pazienti valutano la competenza degli operatori sanitari.

A cura di Enrico Materia e Giovanni Baglio

Alla ricerca delle parole chiave della complessità – multidisciplinarietà, integrazione, contesto, eclettismo – e degli approcci che si richiamano ad una prospettiva complessa della realtà per rintracciare i riflessi del mutamento in atto nell’ambito del settore sanitario.

A cura di Antonio Federici

Nel suo significato più corrente il termine compliance definisce l’uniformarsi di un paziente alle indicazioni ricevute dal medico curante e/o dalla struttura sanitaria. Quando è utilizzato in relazione a gruppi d’individui si esprime come percentuale della popolazione target che adotta il comportamento atteso.

A cura di M Cerimele, MT Colella, G Coppa, G Ventura

Il controllo di gestione è forse lo strumento manageriale che nella Pubblica Amministrazione ha ricevuto più attenzione nell’ultimo decennio; ciò nonostante, ancora oggi si assiste frequentemente a fraintendimenti ed incertezze sulle sue finalità e sulle modalità per attuarlo.

A cura di Giovanni Fattore

Gli studi sui costi sociali delle malattie misurano le risorse economiche assorbite a causa dell’esistenza di una determinata patologia. Ma che significato ha accostare l’aggettivo sociale ai costi? E in quante categorie principali li possiamo classificare? E, soprattutto, stiamo spendendo bene i soldi disponibili?

A cura di Maurizio Marceca e Silvia Ciccarelli

Nel settore sanitario, il termine ‘cronico’ viene sempre più utilizzato con specifico riferimento alla prolungata necessità di assistenza sanitaria e/o sociosanitaria.

A cura di Quirino Piacevoli, Annette Welshman e Francesca Bordin

Un programma di cure palliative è l’incontro ideale tra l’assistenza sanitaria e quella sociale, in cui l’erogazione di servizi, costituiti dalla terapia del dolore e dei sintomi e dall’assistenza psicologica e sociale, è diretta non solo ai malati, ma anche ai loro familiari.