Angolo SIF sartani-ACEinibitori

Le evidenze disponibili documentano che il clinico può scegliere tra queste due classi di farmaci efficaci e sicuri per bloccare il sistema RAAS, anche sulla base della disponibilità dei trattamenti nel contesto sanitario in cui opera, privilegiando comunque il trattamento che può garantire la massima adesione del paziente alla sua prescrizione e quindi il maggior vantaggio in termini di efficacia clinica e sicurezza.

SITeCS medicina di precisione e cuore

La medicina personalizzata è un approccio per la cura e la prevenzione di malattie sulla base delle caratteristiche individuali dei singoli pazienti. È volta a ridefinire le malattie utilizzando molteplici fonti di dati, tra cui stile di vita, anamnesi, imaging, genomica, proteomica, metabolomica e altro ancora. E molto promettenti sono i risultati della sua applicazione nelle malattie cardiovascolari.

PCSK9: revisione delle recenti evidenze

L’inibizione di PCSK9 attraverso anticorpi monoclonali rappresenta un nuovo approccio farmacologico per ridurre in modo massivo i livelli di colesterolo LDL e il rischio cardiovascolare. Gli anticorpi monoclonali diretti contro PCSK9 hanno dimostrato infatti di ridurre il colesterolo LDL (LDL-C) di un ulteriore 60% in aggiunta a dieta, statine ed ezetimibe. Questa terapia combinata consente di raggiungere gli obiettivi terapeutici […]

SITeCS: ospedale e territorio

Il tema dell’integrazione tra ospedale e territorio e, di conseguenza, della continuità delle cure, ormai da tempo oggetto di attenzione e di profonde riflessioni, è considerato uno degli obiettivi prioritari di politica sanitaria, al fine di intervenire in modo appropriato su uno scenario assistenziale sempre più condizionato dagli effetti delle cosiddette grandi transizioni (epidemiologica, demografica e sociale).

Crimine farmaceutico

L’angolo della SIF
La contraffazione del farmaco è stata evidenziata circa 30 anni fa, ma per anni è stata largamente sottovalutata. Secondo i dati del report dell’OMS Illicit trade converging criminal networks (2016), il valore dei farmaci contraffati superava già nel 2010 i 200 miliardi di dollari l’anno a livello globale. Ce ne parla Patrizia Hrelia, Presidente della Società Italiana di Tossicologia