L’impatto epidemiologico rilevante, le complicanze frequenti e debilitanti, la possibilità sub-ottimale di trattamento delle complicanze e i costi non trascurabili della gestione diagnostica e clinico-terapeutica del paziente colpito da Herpes Zoster costituiscono il razionale per promuovere in maniera attiva una prevenzione efficace, che oggi si basa essenzialmente sulla profilassi vaccinale.