Stati Uniti: l’epidemia di obesità sta rallentando?

Forse, ma solo in alcune categorie.

Non vi è report recente che non abbia segnalato che la prevalenza dell’obesità è in aumento in tutto il mondo, con un trend che si è fatto sempre più preoccupante a partire dalla fine degli anni Settanta del secolo scorso. Oltre ad essere una condizione cronica da cui difficilmente si guarisce, l’obesità è un fattore di rischio per numerose patologie fra cui diabete, ipertensione, infarto miocardico, malattie muscolo-scheletriche e alcuni tipi di cancro, ma ciò che preoccupa è il fatto che un aumento ancor più marcato è stato rilevato nella popolazione giovanile, tanto è vero che negli ultimi 25 anni l’obesità si è più che raddoppiata nella fascia di età fra i 6 e 11 anni e, addirittura, triplicata fra i 12 e i 19 anni.

L’articolo [PDF: 88 Kb]

da CARE 2, 2012

Fonte: Ogden CL, Carroll MD, Kit BK, Flegal KM.  JAMA 2012; 307: 483-490

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *